L’ANALISI

Un derby dedicato a Maradona

Napoli e Benevento si affrontano a Fuorigrotta per la prima volta nello stadio da poco intitolato al grande Diego

di Bruno Marchionibus

Sarà un derby all’insegna dell’amicizia quello tra Napoli e Benevento valevole per la 24ª giornata di Serie A. La tifoseria partenopea e quella giallorossa, infatti, hanno sempre avuto un bel rapporto, così come quello esistente tra i due presidenti, De Laurentiis e Vigorito, e soprattutto tra i due allenatori, Gattuso e Inzaghi. Al fischio di inizio, però, inevitabilmente la stima lascerà spazio alla voglia di vincere di entrambe le compagini, bisognose di punti nella lotta per i rispettivi obiettivi.

Sogno Champions per gli azzurri

Il rendimento del Napoli, specialmente nell’ultimo periodo, è stato caratterizzato da un andamento più che altalenante, nei risultati come nelle prestazioni. Queste montagne russe, tuttavia, non hanno impedito agli azzurri di trovarsi ancora in lotta per ottenere, a fine campionato, un piazzamento Champions rientrando tra le prime quattro della graduatoria.
Non bisogna dimenticare, a tal proposito, che a inizio stagione, con la squadra campana reduce dal settimo posto della scorsa annata, l’obiettivo più realistico per Insigne e compagni era proprio quello della qualificazione alla massima competizione europea per club. Certo, l’avvio più che positivo di campionato aveva suscitato altre speranze circa le reali potenzialità della squadra, ma adesso più che mai l’ambiente partenopeo ha bisogno di cancellare delusioni e critiche distruttive e remare compatto in una sola direzione. Solo unità e determinazione, infatti, potranno permettere al Napoli di raggiungere la Champions al termine di un campionato con tante rivali di ottimo livello e segnato da tanti, troppi infortuni.

Benevento: verso la salvezza e oltre

Il Benevento, dal canto suo, in quanto neopromossa ed alla luce della precedente esperienza in massima serie si è presentato ai nastri di partenza di questa stagione con l’obiettivo primario di ottenere la salvezza. Nonostante ciò, tuttavia, mister Inzaghi ha preservato la filosofia della squadra di puntare a costruire gioco grazie alla quale le Streghe avevano dominato lo scorso torneo cadetto; scelta più che giusta quella del tecnico piacentino, dal momento che è con questa mentalità che l’organico sapientemente costruito dal d.s. Foggia sta conducendo un campionato di buon livello.
È chiaro che per i sanniti la strada verso la permanenza in Serie A è ancora lunga, e in un campionato come questo dove la classifica è più corta rispetto agli anni passati è fondamentale mantenere sempre alta la tensione, ma il gruppo giallorosso ha mostrato di avere tutte le carte in regola per concludere nel migliore dei modi la stagione e togliersi anche qualche soddisfazione ulteriore.

LA PRESENTAZIONE

Azzurri e giallorossi a caccia dei tre punti

Gattuso e Inzaghi di nuovo l’uno di fronte all’altro dopo il 2 a 1 azzurro dell’andata, quando i protagonisti del match furono i fratelli Insigne

Due mister con un passato in comune

Rino Gattuso e Pippo Inzaghi, avversari per novanta minuti, hanno vissuto insieme undici stagioni di Milan e innumerevoli convocazioni in Nazionale, vincendo tutto quello che un calciatore può ambire a conquistare nel proprio palmares. La particolarità che lega le carriere dei due amici/colleghi, tuttavia, è legata al loro percorso da allenatore: entrambi, infatti, dopo aver indossato la maglia rossonera da giocatore hanno guidato il Diavolo anche dalla panchina.
Percorsi, quelli di Ringhio e di SuperPippo, accomunati dunque dall’aver allenato il Milan, ma anche molto diversi quanto ai rispettivi andamenti. Per Inzaghi, infatti, quella con la squadra meneghina è stata la prima esperienza tra i professionisti, giunta dopo gli ottimi risultati ottenuti proprio con la primavera rossonera, mentre Gattuso tornò a Milanello dopo un lungo peregrinare tra Svizzera, Grecia e serie inferiori italiane (Palermo e Pisa). E se per il tecnico calabrese dopo l’esperienza milanista è arrivata subito un’altra grande opportunità con il Napoli, il piacentino è ripartito dalla gavetta in Serie C e B prima di mostrare tutto il suo valore in massima serie con le Streghe.

Fratelli a confronto

Il capitolo più suggestivo relativo al derby è, senza dubbio, quello legato alla sfida tra i fratelli Insigne, già protagonisti all’andata con un gol per parte. Lorenzo ha recentemente tagliato lo storico traguardo dei cento gol segnati con la maglia del Napoli, ed è ampiamente in corsa per scalare ancora la classifica dei marcatori partenopei all-time. Il ragazzo di Frattamaggiore è uno degli uomini chiave nello schieramento di Gattuso, e sarà fondamentale da parte sua mostrare da qui a fine stagione una definitiva maturazione anche dal punto di vista caratteriale per aiutare i suoi a raggiungere la qualificazione alla prossima Champions.
Roberto, dal canto proprio, è cresciuto nel settore giovanile azzurro, con cui ha anche esordito in prima squadra, cercando di ripercorrere le orme del fratello maggiore. Ed è con la maglia del Benevento che, dopo ottime stagioni in cadetteria, Insigne jr sta finalmente riuscendo ad affermarsi anche in Serie A, campionato in cui ha segnato il primo gol proprio contro gli azzurri.

Fattore M tra i pali

Se in attacco il confronto più atteso è quello che coinvolge la famiglia Insigne, intrigante risulta anche la sfida a distanza tra due giovani numeri uno che stanno testimoniando ancora una volta come la scuola italiana di portieri sia la migliore al mondo: Meret e Montipò.
Il friulano, che nell’ultimo anno si trova a dividere con Ospina la titolarità della porta azzurra, riesce a dimostrare in ogni caso ogni volta in cui è chiamato in causa tutto il suo valore e le sue grandi doti: Meret unisce infatti ad una prestanza fisica evidente anche un’agilità ed una reattività decisamente al di sopra della norma.
Quanto a Montipò, dopo aver contribuito in maniera importante alla promozione in Serie A dei giallorossi, il ragazzo di Novara sta confermando quanto di buono fatto vedere nelle scorse stagioni anche nel massimo campionato, grazie alla sua abilità tanto tra i pali quanto nelle uscite.

Precedenti a tinte azzurre

Al di là del 2 a 1 partenopeo del girone di andata, gli altri due precedenti nel massimo campionato tra le due compagini sono datati stagione 2017/18, e sono impietosi per i colori giallorossi: 6 a 0 per la banda Sarri al San Paolo, 2 a 0 nuovamente per il Napoli nel Sannio. Azzurri e Benevento si incrociarono anche in C nel 2004/05: in quell’occasione 2 a 0 napoletano sia all’andata che al ritorno.

pubblicato su Napoli n.34 del 25 febbraio 2021