PROFILI

Spalletti: ancora un toscano per ADL

Col Napoli parte una nuova avventura per il tecnico di Certaldo, appassionato di buon vino e di un calcio offensivo e verticale

di Lorenzo Gaudiano

«Il calcio è il cuore del mondo, batte allo stesso modo ovunque e chi lo ama non gioca mai in trasferta ma sempre in casa». Non si tratta di un pensiero di un filosofo dell’antichità, nemmeno di una citazione letteraria famosa. Potrebbe sembrarlo, vista la sua esattezza, il suo profondo significato, l’emozione che suscita. Poco più di una ventina di parole da cui, guardandole e riascoltandole di continuo, si finisce per cogliere una molteplicità di valori celati, ricavare persino l’essenza genuina di uno sport che col passare degli anni pare si stia smarrendo sempre di più per inseguire principi diversi. Più lontani dalla competitività, più vicini agli interessi economici.
In realtà sono semplicemente le parole di un uomo per il quale il calcio ha sempre rappresentato una componente fondamentale della sua vita, un ambito in cui ha saputo dimostrare sin da subito le proprie competenze in materia, una passione che a distanza di anni continua a rimanere viva nonostante le numerose esperienze, i successi e le soddisfazioni ottenute dal conseguimento dei vari obiettivi prefissati. È di Luciano Spalletti che si parla, il prossimo allenatore del Napoli, colui che il presidente De Laurentiis ha scelto per intraprendere un nuovo cammino con tappa principale nella prima stagione con un piazzamento in zona Champions. Per altre tappe naturalmente si vedrà strada facendo.

Mi manda Boccaccio

La storia di Luciano parte dalla Toscana, per essere più precisi da Certaldo, la città di Giovanni Boccaccio, l’autore del famoso Decamerone. Dalle parole riportate in precedenza si vede che è probabilmente la città stessa ad ispirare una simile profondità di pensiero ed espressione. Un luogo davvero incantevole se si considerano gli splendidi e suggestivi vigneti, uliveti e la bellezza di una natura che con forza mostra il suo ammaliante ed incontrastabile predominio. Un immenso patrimonio a cui sessantadue anni fa si è aggiunta un’altra eccellenza che a distanza di qualche tempo avrebbe fatto parlare di sé in Italia e nel mondo, contribuendo al prestigio di un posto già noto grazie alle pagine della letteratura italiana.

Dagli scarpini ai taccuini

Spalletti con le scarpette ai piedi era un centrocampista. In carriera non è andato oltre la C1, ma in campo già si percepiva che il suo futuro sarebbe stato in panchina per le sue capacità di motivazione e la sua disciplina tattica. Gli mancava il talento, quella dote che invece dimostra di avere a bordo campo con il saper leggere bene le partite, prevedere le mosse degli allenatori avversari, motivare al meglio i propri calciatori verso la conquista della vittoria finale. Giovanili della Fiorentina, poi Entella, Spezia ed Empoli dove a 34 anni decide di slacciare definitivamente gli scarpini. Per lui però non è finita col mondo del calcio, c’è ancora qualcosa che il giovane di Certaldo può dare alla sua più grande passione e che naturalmente troverà tra i taccuini, le lavagne e i pennarelli per disegnare gli schemi tattici.

Empoli fine ed inizio

Empoli non è solo la fine di una vita, ma l’inizio di una nuova. Luciano parte dalle giovanili, una palestra ma anche una grande responsabilità considerando la grande attenzione che il club toscano ha per il settore giovanile. La prima squadra è in difficoltà in C1, la retrocessione è davvero ad un passo ma a sei giornate dalla fine Spalletti viene promosso per provare a dare una scossa. La salvezza arriva miracolosamente grazie ai play-out, meglio di così non si poteva davvero fare. La stagione successiva torna nuovamente con le giovanili prima di approdare in prima squadra con cui vince la Coppa Italia di C e centra la promozione in B. Poi subito il salto in massima serie e la conquista della salvezza a certificare il suo valore aggiunto in panchina, la sua conoscenza del calcio, la sua capacità di portare sempre a casa l’obiettivo.

Mettersi in discussione

L’ascesa però è piena di ostacoli. Negli anni successivi Luciano comincia ad incontrare diverse difficoltà. Brevi esperienze con Sampdoria e Venezia che pesano sul suo percorso di crescita e che di fatto costituiscono una pesante battuta d’arresto dopo i risultati positivi del passato. Poi arriva l’Udinese con cui la conquista della salvezza non basta per ottenere la riconferma. Non gira più bene a quanto pare, il suo successo sembra ormai sulla via del tramonto. L’unico modo per provare ad uscirne è rimettersi in discussione. Arriva la proposta dell’Ancona in B e Spalletti accetta senza se e senza ma. È salvezza a fine stagione. Luciano ritorna sereno e speranzoso, anche perché il meglio deve ancora venire.

Dalla Champions alla Champions

Di nuovo l’Udinese, per riprendere da dove aveva interrotto. Due anni consecutivi centra un piazzamento in Coppa Uefa, al terzo arriva la qualificazione alla Champions e la Panchina d’Oro. La stella di Luciano finalmente comincia a brillare e ad accorgersene è la Roma, con cui in quattro anni arrivano i primi trofei tra Coppa Italia e Supercoppa. Dopo cinque anni in Russia allo Zenit, dove arrivano due Scudetti, una Coppa nazionale e una Supercoppa, Spalletti torna ancora alla guida dei giallorossi, con cui centra un terzo ed un secondo posto dopo record di punti e una lite infinita con capitan Totti, stigmate negativa sul curriculum più umano che professionale dello stesso Luciano. È all’Inter che il suo cammino momentaneamente si è concluso, con due piazzamenti Champions che mancavano da tanti anni e uno stop sabbatico che conoscerà la parola fine a partire dal primo luglio.

Un uomo schietto per Napoli

Guardando le conferenze stampa passate, le sue dichiarazioni e le opinioni dei calciatori da lui allenati si comprende come Spalletti sia un personaggio con un carattere particolare. Sempre schietto, sincero in positivo ed in negativo, Luciano legge tutto, ricorda tutto, contesta quando c’è da contestare, ammette quando c’è da ammettere qualche errore. Le sue reazioni suscitano sempre meraviglia, a volte fanno anche ridere, possono persino non piacere perché sono autentiche, genuine. Il Napoli oggi in panchina ha bisogno di un uomo simile dopo mesi di silenzio e una gestione comunicativa non all’altezza di un club che ambisce a posizioni importanti in classifica ed in Europa. E l’augurio è che la squadra azzurra possa ritornare ad essere bella da vedere come “La Rimessa”, l’affascinante tenuta a Montaione dove in questo periodo lontano dal calcio Spalletti si è rifugiato. In campagna, con il suo ottimo vino, le magliette dei calciatori più stimati e quel calcio offensivo e verticale di cui il Napoli avrebbe davvero bisogno.

pubblicato su Napoli n.41 del 26 giugno 2021