EVENTI

Riapre al pubblico il Museo della Cappella Sansevero

Da oggi sarà possibile tornare ad ammirare le opere uniche conservate nel complesso museale, tra cui il meraviglioso Cristo Velato

di Bruno Marchionibus

Riapre oggi, 12 giugno, il complesso museale di Cappella Sansevero, situato nel cuore di Napoli e vero e proprio patrimonio della città grazie alle tante opere contenute al suo interno.
Dalle macchine anatomiche di Raimondo di Sangro Principe di Sansevero, anatomista ed alchimista del XVIII secolo, fino al Disinganno, complesso scultoreo commissionato dallo stesso Principe per commemorare il padre Antonio, è senza dubbio il Cristo Velato l’opera più rappresentativa del Museo. La scultura, realizzata da Giuseppe Sanmartino, ha un fascino unico e suggestivo per come l’artista è stato in grado, partendo da un unico blocco di marmo, di imprimere al sudario che ricopre Nostro Signore un movimento e dei contorni così realistici da farlo apparire davvero come un velo poggiato sull’opera.
Il carattere quasi magico della Cappella e l’attività di alchimista di Raimondo di Sangro, non a caso, hanno favorito negli anni la diffusione di miti e leggende legati ad essa ed alla figura del Principe, prima fra tutte quella secondo cui, per una sorta di maledizione, gli studenti universitari che si trovano a visitare il sito nel corso dei loro studi non riescono a conseguire la laurea.
Da quest’oggi, dunque, sarà nuovamente possibile ammirare tutto ciò, a trent’anni esatti dalla riapertura del 12 giugno ‘90 che fece seguito ad un lungo restauro, anche se con modalità compatibili con le misure di sicurezza imposte dalla situazione di emergenza legata al Covid. Il numero massimo di visitatori che potranno accedere agli spazi del Museo sarà di 35 persone, e le prenotazioni si dovranno effettuare online, fermo restando la possibilità di acquistare i ticket last minute in biglietteria, ma sempre compatibilmente con la capienza massima prevista. Cambiamenti anche, rispetto al solito, per quanto riguarda giorni ed orari di apertura: dal mercoledì alla domenica dalle ore 10:00 alle ore 19:00.

pubblicato il 12 giugno 2020