PALLA AL CENTRO

Napoli – Inter: il momento della verità

A quattro mesi dalla vittoria di San Siro il Napoli si gioca l’accesso alla finale in un San Paolo a porte chiuse

di Marco Boscia

Dopo lo stop causato dal coronavirus si riparte dalla Coppa Italia. Era il 12 febbraio quando il Napoli si aggiudicò i primi 90 minuti della semifinale contro l’Inter vincendo a San Siro per 1 a 0 con una perla di Fabian Ruiz. A Conte, per acciuffare il pareggio, non bastò nemmeno l’assalto finale con in campo contemporaneamente Eriksen, Sanchez, Lautaro e Lukaku. La sfida di ritorno, prevista inizialmente per il 5 marzo, si gioca stasera al San Paolo in un’atmosfera surreale. Si disputerà difatti a porte chiuse ed a beneficiarne potrebbe essere l’Inter che, grazie all’assenza del pubblico, avrà maggiori possibilità per tentare di ribaltare il risultato. Gli azzurri quest’anno risultano però ancora imbattuti in casa nelle Coppe e cercheranno di ripetere l’ottima prestazione dell’andata per guadagnare la finale.

Come arriva il Napoli

Il Napoli potrà contare sull’importante recupero di Koulibaly, assente a San Siro. Fuori stavolta però, per infortunio, il suo compagno di reparto Manolas. Gattuso dovrebbe quindi affidarsi a Maksimovic per sostituirlo. In porta il solito ballottaggio fra Ospina e Meret, con il colombiano leggermente favorito. A centrocampo probabile impiego di Ruiz e Zielinski ai lati di Demme ed in attacco quasi certi del posto Callejon, Mertens ed Insigne, nessuno dei quali ha mai segnato ai nerazzurri in questa competizione.

Come arriva l’Inter

In seguito alle polemiche legate alla ripresa del campionato, nelle scorse settimane l’Inter ha minacciato, in maniera provocatoria, di scendere in campo con la primavera. Difficile sia così. Più probabile che Conte si affidi ai suoi uomini migliori per cercare di ribaltare il risultato dell’andata. A difendere i pali dei nerazzurri dovrebbe esserci Handanovic, che ha pienamente recuperato dall’infortunio che lo aveva costretto a restare fuori nella sfida del Meazza. A centrocampo possibile chance per Eriksen ed in attacco il tandem Lukaku-Lautaro sembra essere il più accreditato a scendere in campo.

I precedenti

Dodici i confronti in Coppa Italia fra Napoli ed Inter finora: 6 vittorie nerazzurre, 2 pareggi e 4 successi partenopei. La prima sfida risale al 6 gennaio 1938 quando l’allora Ambrosiana-Inter vinse per 2 reti a 0 a Napoli passando in vantaggio all’11’ con un gol del grande Peppino Meazza. L’unica finale fra le due compagini risale all’8 giugno 1978 quando l’Inter si impose in serata a Roma per 2 a 1 ribaltando il vantaggio azzurro di Restelli con le reti di Altobelli e di Bini con la collaborazione del povero Mattolini che sul pareggio era in ritardo sull’uscita. Storico il doppio confronto in semifinale del 1997: sia a Milano che in casa il Napoli riuscì a pareggiare l’iniziale svantaggio. Ai calci di rigore furono gli azzurri a spuntarla guadagnando la finale, poi persa contro il Vicenza. Ultimi quattro confronti tra le due squadre, prima della semifinale d’andata di quest’anno, sempre ai quarti e sempre al San Paolo: due successi nerazzurri, nel 2011 (4-5 ai calci di rigore) e nel 2016 (0-2 con le reti di Jovetic e Ljajic), e due vittorie partenopee, nel 2012 (2-0 con doppietta di Cavani) e nel 2015 (1-0 con gol di Higuain al ’93).

pubblicato su Napoli n.25 del 13 giugno 2020