L’EDITORIALE

Battuto il Brescia si va in Belgio

Dal campionato alla Champions League cercando di evitare pericolosi e deleteri cali di tensione

di Giovanni Gaudiano

Il Napoli riparte: spreca tanto, soffre parecchio ma porta a casa una vittoria che si rivelerà molto importante nel corso della stagione. Ancelotti ha dovuto inventare in pochi minuti una difesa praticamente inedita che ha retto agli assalti di un Brescia che ha cercato di sfruttare soprattutto i calci piazzati, le cosiddette palle inattive.

Ha segnato anche Mario Balotelli, presentatosi in campo con sua figlia, napoletana come la mamma, strappando qualche applauso. Forse super Mario poteva arrivare in azzurro, qualche pensiero sarà stato anche fatto negli anni passati ma al termine della partita qualche piccola intemperanza ha confermato che la scelta societaria, semmai ci sia stata, è andata nella giusta direzione. Spiace dirlo ma il ragazzo continua a sprecare il suo talento.

Chi non ha intenzione di farlo è Fabian Ruiz. Con lui in campo il Napoli è un’altra squadra in attesa di vedere al suo fianco un Allan più continuo e uno Zielinski meno condizionato e frenato nel rendimento da una scarsa determinazione nei momenti nevralgici della partita. Anche Di Lorenzo ha fatto capire che, seppur in ritardo di qualche anno rispetto a Ruiz, non getterà al vento la grande occasione che gli si è presentata occupando con personalità e capacità la posizione di centrale dopo l’infortunio di Maksimovic.

Per opportuna equità non si può tacere delle prestazioni di Mertens e Callejon. Si parla per entrambi di rinnovi contrattuali difficili, si vedono in altre squadre giocatori più avanti negli anni che continuano ad offrire un ottimo rendimento proprio nel nostro campionato. Ci si augura che la società faccia le opportune considerazioni e trattenga entrambi. A proposito, Mertens è arrivato a -1 da Maradona. Forse in Belgio partirà dalla panchina ma ci si augura che sin alla prossima gara possa pareggiare il conto.

Il finale è dedicato a Kalidou Koulibaly. Se il Napoli ieri non avesse vinto la partita per gli infortuni in difesa, la situazione poteva pesare sul senegalese che contro il Cagliari si è lasciato andare anche se poteva avere qualche ragione. Koulibaly dopo la sfortunata autorete dello Stadium sembrava aver ripreso la strada giusta. Ora giocherà in Belgio e poi salterà Torino per rientrare dopo la sosta per le nazionali in campionato, si spera che il suo rendimento e la sua concentrazione ritornino ad essere quelle di cui il Napoli ha bisogno.

pubblicato il 30 settembre 2019

Potrebbe interessarti: